fbpx

#Leadership femminile: la nuova era della Sheconomy

Uno studio pubblicato su Science lo ha rivelato al mondo nel 2017: bastano 6 anni di vita per cambiare la consapevolezza di sé delle bambine.

È infatti proprio a partire da quell’età che i ricercatori hanno iniziato a notare come, su un campione di 600 bambine, le femmine inizino ad associare le esponenti del loro genere non più alla categoria proposta “very, very smart” ma a quella “very, very nice” [i], dimostrando di aver già iniziato ad interiorizzare il pregiudizio che vede le figure maschili come maggiormente brillanti e quelle femminili come più gentili. Solo 6 anni, e gli stereotipi condizionano già le loro vite, e il loro futuro. Le bambine capiscono che possono anche essere più brave a scuola, ma non si percepiscono brillanti, e questo le porta a ridimensionare le loro aspettative su quali attività potranno intraprendere nella loro vita.

Durante il loro percorso di crescita, condizionamenti e stereotipi si moltiplicano, soprattutto per le ragazze con famiglie meno supportive nello spingerle a sognare in grande. Un percorso a bivi, che alterna pregiudizi, messaggi pubblicitari pressanti, logiche social controproducenti che hanno pesanti effetti sulle generazioni di giovanissimi ambosessi. E in tutto questo la risposta delle ragazze è spesso quella di ridurre consapevolmente il loro ventaglio di scelte, cercando un equilibrio tra ciò che desiderano e ciò che la società si aspetta da loro. L’inedita situazione pandemica affrontata negli ultimi due anni non solo ha aggravato la disparità esistenti tra uomini e donne, ma l’ha anche resa più evidente, mostrando con i numeri all’opinione pubblica la maggiore fragilità a cui le donne sono esposte, soprattutto in ambito lavorativo.[ii]

E la risposta non può che essere una maggiore spinta, fin da giovanissime, ad allargare le proprie prospettive, essere più indipendenti e determinate nel dimostrare il proprio valore, contro ogni pregiudizio.
Negli anni si sono moltiplicate le iniziative “rosa”, per rompere le consuetudini ed avvicinare le ragazze a carriere meno convenzionalmente associate a loro, ma si tratta spesso di declinazioni al femminile di formule già esistenti, senza una specifica attenzione a rafforzare in primo luogo la consapevolezza e la fiducia in sé stesse, concentrandosi sui contenuti e meno sul contenitore. Ma è universalmente noto che non si può risolvere un problema con la stessa mentalità che lo ha creato, per questo è importante studiare proposte nuove, che incentivino le ragazze a interrogarsi in modo onesto e obiettivo su chi sono e cosa vogliono essere, e convincersi che sì, anche loro possono creare, e guidare, qualcosa.

Nell’era della Sheconomy [iii] avanza la consapevolezza di come il mondo potrebbe fare un balzo in avanti se ad oltre la metà della popolazione mondiale venisse data la facoltà di raggiungere il pieno potenziale: quante Marie Curie si nascondono al mondo? O, più cinicamente: quante startup e imprese “rosa” sarebbero sorte ad animare il mercato, se ci fosse più fiducia nell’imprenditoria femminile, soprattutto al di fuori dei programmi e delle organizzazioni a questa dedicate?

Per questo servono nuove strade, che puntino a rafforzare non solo le competenze delle ragazze, ma soprattutto la loro fiducia in se stesse e nella possibilità di diventare esse stesse delle leader: anche Innois ci sta provando, supportando il LeaderShe Camp promosso da Open Campus, laboratorio di innovazione aperta e spazio di coworking con sede a Cagliari, e Tlon, scuola permanente di filosofia e immaginazione, casa editrice e una catena di librerie teatro con sede a Roma, con il sostegno di Fondazione di Sardegna e Innois.

Un laboratorio intensivo di 4 giorni rivolto a 20 ragazze dai 18 ai 25 anni, per riconoscere se stesse, dare forma ai propri obiettivi e dotarsi degli strumenti per realizzarli, confrontandosi con un team, tutto femminile, che può essere di ispirazione e supporto, e dove poter iniziare a costruire e praticare quella supposta mancata solidarietà di genere, che come profezia autoavverante indebolisce e rallenta molti dei potenziali brillanti sviluppi che potrebbero nascere se solo si credesse un po’ di più nella capacità delle donne di essere le persone giuste al posto giusto.

Le notizie più recenti